Home / Comunicazione / Gli stand di Ecomondo >
Gli stand di Ecomondo

3 novembre 2015 - Rimini
Ecomondo 2015 - Il ministro Galletti si complimenta con Giani
Waste Recyclingsi colloca tra le più importanti e qualificate imprese nazionali che si occupano del trattamento e dello smaltimento degli scarti di lavorazione provenienti dai cicli industriali. A Ecomondo già dalla prima edizione, Waste Recycling tratta mediamente 400.000 tonnellate di rifiuti l’anno di cui il 60% di rifiuti allo stato liquido e 40% allo stato solido. “La nostra realtà conta più di 100 dipendenti e realizza ogni anno oltre 30.000.000 di fatturato” dichiara il presidente Maurizio Giani, “ritiriamo, trattiamo e inviamo a recupero tutte le principali tipologie di scarto industriale sia pericoloso che non pericoloso”.
Ogni anno Waste Recycling si presenta a Ecomondo con stand sempre nuovi home-made realizzati al 100% di rifiuti.



Ci piace stupire i visitatori. I rifiuti sono una vera e propria risorsa, non solo energetica in quanto materia utile per il riciclo, ma anche come materia prima in sé e per sé: con i rifiuti si può fare veramente di tutto e quest’anno abbiamo cercato di dimostrarlo realizzando addirittura degli animali.” Lo scorso anno l’allestimento di una chiesa con tanto di matrimonio, due anni fa oltre 70 lampade fatte di rifiuti, tre anni fa i costumi di scena delle soprano di Andrea Bocelli al Teatro del Silenzio. “C’è attesa ormai da parte dei visitatori e degli organizzatori, che vengono a migliaia per scoprire lo stand proposto ogni anno dalla nostra azienda e, ci piace ricordarlo, i nostri stand sono fatti completamente ed esclusivamente da noi e con nostri rifiuti”. Quest’anno protagonisti sono il legno e gli animali. Il legno è il materiale da costruzione più antico e più nobile che l’azienda toscana seleziona e manda ogni giorno a recupero, “non è certamente l’unico, essendo numerosi i materiali che trattiamo e inviamo a recupero ogni giorno, ma nel nostro stand il legno diventa simbolo di una natura da conservare e tutelare”. Così tutto lo stand è realizzato con legno di recupero, e protagonisti in questo scenario naturale non potevano che essere gli animali: simbolo per eccellenza del rispetto per l’ambiente”. Lo stand è stato molto apprezzato dai visitatori tra i quali il  Ministro Gain Luca Galletti,  il sottosegretario all'ambiente Barbara Degani nonchè il Sindaco di Santa croce sull'Arno Giulia Deidda.



Uccelli, pesci, animali selvatici e domestici, mammiferi, rettili e insetti. “Quanto sono preziosi i nostri rifiuti, lo si vede chiaramente dalla bellezza delle opere esposte, molte delle quali realizzate da studenti e docenti dell’Accademia di Belle Arti di Firenze”. È da questo autunno, infatti, che Waste Recycling ha siglato proprio una Convenzione con l’Accademia di Belle arti di Firenze per una sperimentazione sull'uso artistico degli scarti industriali. La volpe di Monica Piazza, il cobra di Yllli Kalivaci, l’aquila di Angela Nocentini e Riccardo Casagrande, la rana pescatrice di Matteo D’Alessandro, il pappagallo di Veronica Sarti, il muflone di Pietro Cecioni, il tucano di Silvia Cogotzi, il pavone di Vittoria Lapolla, alcuni insetti di Valentina Ciani, le pulci di Edoardo Malagigi e il pesce equino di Daniele Acciai. Ci sono poi importanti partecipazioni di artisti noti nel panorama nazionale come le bellissime sculture di Alberto Salvetti (Orso e Gabbiani) e Fabrizio Giorgi (la scimmia e il Cane), le opere di Paolo Lo Giudice (Il grillo e il fenicotttero) o il camaleonte di Nando Segreti. L’estroso Scorphano di Stefano Pilato e il grande cavallo di Jeromè Cem Ispanacki realizzato assemblando pezzi di un’automobile e di trattore in demolizione.