Home / Comunicazione / International Corporate Art Awards® >
International Corporate Art Awards®
La WasteArt per una grande azione di solidarietà

Per volontà del progetto SCART®, in partnership con Lions Club San Miniato e Accademia di Belle Arti di Firenze, a settembre 2015 è stato indetto un concorso a premi su scala internazionale “Diamo colore al ritmo del cuore” pensato per trasformare alcune aree della rinomata Cardiologia 2 – Aritmologia del nuovo Ospedale Santa Chiara di Pisa (diretto dalla dott.ssa Maria Grazia Bongiorni) in una galleria d’arte contemporanea di raffinato valore.

Partendo dalla profonda convinzione che un ambiente circostante confortevole svolge un ruolo importante nel processo di recupero dalla malattia, per quanto complesso e delicato possa essere, il Reparto è stato trasformato in una vera e propria galleria di arte. Le sale comuni, le camere, i corridoi e anche gli studi dei medici ospitano oggi oltre 300 lavori di artisti provenienti da tutto il mondo che hanno deciso di misurarsi con il tema del cuore, dell’energia e del ritmo. I numerosi lavori, pervenuti e selezionati da una giuria tecnica dell’Accademia di Belle Arti di Firenze, sono stati realizzati con materiale di recupero assemblato con maestria e ricchezza di senso. Opere incredibilmente differenti e, a diverso titolo, coinvolgenti hanno caratterizzato questa grande azione di solidarietà che ha visto coinvolte associazioni di volontariato, Onlus, scuole, ragazzi, architetti, artisti, designer e numerosi studenti. Sono arrivati alla Waste Recycling contributi da tutta Italia dalla Sicilia e dal Piemonte, da Roma e Faenza, da Bologna e da Messina, dalle provincie di Monza e Frosinone, da Novara e da Milano e poi ancora Bari, Ferrara, Venezia e dalla Toscana tutta; un’operazione che ha visto coinvolti anche numerosi artisti internazionali dal Giappone, dalla Russia, dalla Francia e anche dalla Cina.

Lo scopo dell’iniziativa, oltre alla premiazione delle migliori 4 opere, era quello di creare uno spazio di intrattenimento per tutti coloro che a diverso titolo trascorrono le loro giornate nel Reparto di Cardiologia aritmologica di Pisa, ma anche creare uno spazio di condivisione tra il personale medico e tecnico della struttura e i pazienti. Una sorta di terreno di dialogo sul quale poter uscire dall’indispensabile e sostanziale comunicazione tecnico-formale e spingersi su un terreno capace di attingere al piano delle emozioni. La ricerca del comfort parte dall’accoglienza, dalla ricerca di rapporti di relazione con il paziente e di quell'umanizzazione che proprio l’arte e il bello portano con sé.